Mentions Légales     2022 Eppò

                           

ALBUM

CORE TIMPESTA

A ritocca

Capi biancu lu sartore

Arricama lu mantellu

Macchinetta è filu d’oru

Benvenuti in lu so attellu

Nant’à li vostri dulori

Pone a pezza lu sartore

 

A camisgia affestunata

Rituccata l’amarezza

Quandu l’anima si sfiata

Guarì cun dilicatezza

Ben dispostu incù ghjustezza

Pone u palmu lu sartore

 

Ornamenti è dentelle

Nant’à le stofe dannate

Vi ricoglie in lu so attellu

Omi è donne straziati

Acu è filu in e so dite

Vi ricosge le ferite

Bolerò per tè

Mi porti à l’estremità

In un’ odissea

Passione à l’eternità

Amata mea

 

Sì tù, fammi rispirà

In un’ orchidea

Un soffiu

In cime à l’immensità

 

À scopre l’intensità

Di un colisseu

A to preda à catturà

Sempre sò eu

 

Sì tù l’essenzialità

Un aliseu

A scossa

Chì sbatte lu mio core

 

Contru à i patroni di a terra

Stai ritta è teni forte

Contru à e mente strette è l’idee storte

Stai fiera di a to feminità

Sappia chì tutte e bellezze di u mondu

Sò in le to libertà

Costantinu

Costantinu, Costantinu

Sta camisgia à fior di linu

Di nuttata o di matina

A ti porti nant’à u spinu

À guardàti da vicinu

Constantinu, Constantinu

Hè negra a to camisgia à fior di linu.

 

Marioara, Marioara

Ia-o tale si mi-o spala

Cu sapun de tamaiora

S-o usci in san desara! 

Si pentru atata lucru,

Marioara, Marioara

Nu ti-ar mai putrezi trupu’ !

 

Di quale hè Maria lu to core ?

Di quellu cun a mustaccia nera.

U più grande cacciadore,

M’hà pigliatu una sera

Ùn mi ne sò micca ammusciata

Costantine, Costantine

Ma in zerga perchè so ingabbiata.

 

Marie privighetoare, 

Maria sì un rusignolu

Ce canti noaptea pe racoare?            

Chì canta in la notte fresca

Osandite-ar si te-ar bate

Pernioara de-asta noapte

Capataiu’ de la spate

Marioara, Marioara

Si vorbele voastre toate

Quandu ti aspettu fora

Mariuccia, Mariuccia

Un cantu di primavera

Terra nova

Passageru  sottu à e loghje

Citadella à mare apertu

In piazzetta, stacche viote

T’aghju trova, t’aghju scuperta

Terra nova, terra prumessa

Locu di e mio scumesse.

 

Tumasginu, Santa Croce

Risabetta, Anna Maria

E banchette, u ballò

T’aghju trova, t’aghju scuperta

Terra nova, terra prumessa

Oghje sperenza hè permessa.

 

Dà un basgiu à a Madonna

Per lampacci di a culonna

Scalzu, sole, a pelle mora

Aghju chjappu i to culori

Cità d’eri, cità d’oru

Ci si prega u Signore.

 

Terra nova, terra prumessa

Locu di e mio scumesse

Terra nova, terra prumessa

Oghje sperenza permessa

Eppò

Quarant’anni digià

Aiò sì sempre quì

Un imperu à stantà

Senza mai capì

Senza mai fiatà

Alcun piacè in vista

Dennari in quantità

Ma tempu ùn si n’acquista

Eppò i sogni facenu u mondu

À l’ispensata una magia

Po fà di tè un giramondu

 

Eppò spenghje u celu, cappià i scurnaboi 

Cavalcà un sumere senza nisun penseru

Eppò fanfarunà senza belle manere

À botte ind’è u fiume, bene sposti à lu sole.

 

Ottant’anni digià

Sta muntagna quassù

Ch’è tù voli attippà

Ùn ci anderai più

Tant’anni à bramà

A to vana cunquista

Dennari in quantità

Ma tempu ùn si n’acquista

È tù di quale mondu fai parte ?

Corre da l’alba à lu tramontu

Ùn hè cusì ch’eo sò sparte.

 

Eppò more di rise, cumprassi un cucudrillu

Ghjucà à zimbumbà  a salvezza divina

Eppò beie si tuttu u caratellu di vinu

È mandà sulle forche a to malincunia

 

Eppò sciaccamanà, spulà i tavulini

Eppò ricumincià cum’è ultima prumessa

Ùn si pò laburà, suminà nè racoglie

S’omu ùn pò aspettà di fidighjà cascà e foglie.

 

 

Eppò eppò a gallina hà fattu l’ove

Eppò eppò ghjè cusì ch’ellu si move.

A ronda di u pescadore

Guarda u mare cumu hè calmu

È lu pesciu si nasconde

Quandì a luna ci risplende

A barcella si cunfonde

 

È sta sera cun tè o bella

Luce in la notte serena

La più sacra di e stelle

Hè per tè o Maddalena

 

È tira via, tira avanti è dalli

Tira le insù, isse rete intrecciate

È tira via, tira avanti è dalli

Tira le di fila, trè ghjorni d'estate

Core 

timpesta

Dalla avà

Cosa aspetti per d’altri campà

Ùn ci hè ch’una verità

Quella di u tempu chì passa

 

Balla avà

À l’avvene un’infedeltà

Fà l’amore,sunnià

A toia la Babilonia

 

Core timpesta

Cavalieru in le grande tundrà

Notte di festa

E di perestroiccà

Ti basta à dumandà

 

Balla cun mè o cumpà

Ciocarlia, kalinka

Cusì dalla avà

Riturnelle è tralalà

Ti senti bè, fatti vivu

Girandulà po saltà

Aiò via trà li mari

Di gioia sulcà

Vai cum’ella ti và

Ti senti bè, l’alma viva

 

Samurai

O facchiru o gaucho d’Urugay

U to cumpagnu di guai

L’orizonte oramai

Zinzalesca

Una notte serena – zinga, zinga

Mi sveglia una sirena– zinga, zinga

 

Ùn si pò dorme in pace

Mignoculu crudele

Ma t’aghju da fà tace

Chì sò un grande ribellu.

 

Zinga a mio pella

Zinga a mio bella

Zinga ohimella

S’azzecca a zinzala.

 

Aspetta un po mal vistu– zinga, zinga

L’assaltu hè previstu– zinga, zinga

 

Nemicu maliziosu

Si piatta in u salottu

E d’eo accidiosu

Li mengu un bel cazzottu.

 

L’insettu tandu si ne scappò

Di l’omu ùn teme a ragiò

Di ratafia un carafò

In daretu à ellu si ne piattò

 

A pena di rispettu– zinga, zinga

Mignoculu infettu– zinga, zinga

 

D’un bellu colpu di bomba

L’aghju pestu a so tromba

E d’ellu cum’un ladrò

M’hà puntu ind’è l’Ò

Di pena sò cascatu

Tandu l’aghju inchjaccatu

Ed’era u mio culò

Gonfiu cum’è un limò

 

Muralità, quì dicu avà :

Ma pianta tù di stuzzicà.

S’è tù sì chjucu è arrabbiatu

Ùn circà di l’omu beatu.

Lingua, natura 

è tradizione

Sò quellu natu quì

Pastore, viaghjadore

Sì quellu ghjuntu quì

Savori, multiculori

Simu fatti di fole

À chjappà sogni persi

Site fatti di sole

À girà l’universi.


Lingua, natura è tradizione


Sì quella nata quì

D’asfaltu è di filetta

Sì quella ghjunta quì

D’amore chì t’aspetta

Simu fatti di lotte

Da scrive tanti versi

Site fatti di notte

À girà l’universi

  

Lingua, natura è tradizione

Mosse

Venerà un batticore, a spiritualità

Venerà a tragettoria, alleluia

Aioccine à mette tuttu sottu sopra

Per un’ altra umanità.

 

 

L’odore di l’erba croscia dopu una bella acquata

E lenze ingiallite, a terra suminata

Muscu di caffè, una tavulinata

Di sè, di tè, di què, di tuttu m’innamoru.

 

 

Ombralume sò tracciati li cuntorni

Unu à unu allegnati sò li forni

Vinu è noce, allegria è cusì sia

Sottu voce omu s’ampara la via.

 

 

Un ghjornu aghju vistu un omu chì per istrada caminava

Si purtava tanti sacchi è solu solu caminava

Scusate, aghju dettu,

Amicu induve andate cusì d’un bon passu è bellu cum’è un rè

Vò à circà l’eternu, ora ne cunnoscu la via

 

 

È girendu, è girendu, è ci pensu, ci ripensu

È tandu capiscu l’omu chì senza scopu si n’andava

Versu un megliu campà è d’un passu sicuru. Liberu

U rimitu s’innamora da un ragiu di sole

È caminendu m’innamoru di tuttu.

Mentions Légales     2022 Eppò -  +33 (0)6 14 80 79 59